Skip to content

Farfalle al mare

14 luglio 2011

Questo post lo dedico a Riccardo per un commento carino fatto su un blog.

Questo il suo commento:

Tra le immagini del mare, le farfalle che volano sull’acqua. È pazzesco, ma cosa ci fanno su quella distesa di mare, a volare così sospese, senza potersi posare, in attesa di un fiore?

Anch’io le ho incrontrate.

Quella che ho visto io era bianca e molto ardita.

I fiori che attendono queste farfalle, Riccardo, sono le teste dei bagnanti perchè loro (le farfalle) sanno che ogni uomo è un fiore agli occhi di Dio.

Le farfalle, poi, raramente si posano e la cosa veramente strabiliante è che continuano a volare, sempre e comunque.

Le grandi e bellissime farfalle … così tenaci e così delicate …

Annunci
13 commenti leave one →
  1. 14 luglio 2011 09:09

    Forse non sono le nostre teste che cercano, esse volano per i nostri occhi, per disegnare l’immenso fiore dell’occhio di Dio. Volano sostenute dalla mano di Dio, e non sappiamo dove andranno, ma sappiamo che ovunque andranno, sarà un mondo colorato.

    Tenaci e delicate… Dovremmo essere anche noi così nella Fede e nell’Amore?

    • 14 luglio 2011 14:05

      Certo che sì, Riccardo, dovremmo essere anche noi così nella Fede e nell’Amore.
      Volare sopra tutto, vedere tutto, ma non avvicinarsi troppo.
      Le ali della farfalla sono forti, ma sono anche fragilissime: sopportano i venti contrari, ma non il tocco maldestro degli esseri umani che tolgono dalle loro ali quelle piccolissime scaglie colorate.

  2. ROMEO permalink
    15 luglio 2011 08:25

    E che dire dell’evoluzione della farfalla da bruco attaccato alla materia, non fa altro che mangiare qualcosa di vegetale, ad essere che si stacca dalla materia per essere portatore di qualcosa di proprio o di qualcos’altro, conscia che il suo compito terreno presto finirà.
    Il “non mi toccare perchè non sono ancora salito al Padre” che Gesù disse alla Maddalena è valido anche per la farfalla.
    Buona giornata a tutti.
    Romeo.

  3. 15 luglio 2011 09:25

    E’ vero Romeo, ma è anche vero che se non si può toccare la farfalla è anche vero che la farfalla tocca, sfiora noi ed i fiori.
    La stessa cosa del Signore.

  4. ROMEO permalink
    15 luglio 2011 11:27

    Già tocca soprattutto il nostro cuore ecco che vediamo quello che pochi istanti prima non vedevamo.
    Ciao e bentornata dalle ferie.
    Romeo.

  5. 15 luglio 2011 23:30

    … soprattutto riscopriamo la delicatezza, il pensare oltre e all’altro
    … soprattutto impariamo a non lasciarci troppo “toccare” dalle avversità/difficoltà e amarezze
    … soprattutto emaniamo bellezza … anche quando non ci pare di averne
    … soprattutto voliamo sia alto che basso: alto per vedere l’insieme, basso per capire il particolare

  6. 7 agosto 2011 09:32

    Ho trovato questo Mattutino di Ravasi, ve lo lascio….

    La farfalla senza le ali

    Che cosa diventa un presuntuoso, spogliato della sua presunzione? Provate a levare le ali a una farfalla: non resterà che un verme. D’estate è sempre affascinante seguire il volo delle farfalle con le loro ali arabescate. Si dice che tra i quaderni di una scuola di Hiroshima, distrutta dalla bomba atomica americana, venne alla luce la pagina incompiuta di un’alunna che stava descrivendo il palpitare di una farfalla rossa che si era posata sul suo banco. Era il 6 agosto di 66 anni fa: una dolce scena estiva giapponese, prima che si accendesse l’infernale lampo distruttore.

    L’immagine della farfalla mi rimanda oggi a una raccolta a cui ho già attinto in altre occasioni: Le massime e i pensieri, opera postuma (1795) di uno scrittore francese illuminista moderato, Nicolas de Chamfort. Egli trasforma questo delizioso lepidottero in un simbolo del presuntuoso che si pavoneggia nella sua vanagloria, volteggiando in mezzo agli altri che apparentemente lo ammirano. Ma, togliete le ali alla sua boria altezzosa, ed eccolo ridotto a un verme, come appunto accade alla farfalla privata del suo ornamento più attraente. Se vogliamo stare ancora nel simbolismo animale, è curiosa un’altra considerazione destinata al presuntuoso da una scrittrice inglese dell’Ottocento nota con lo pseudonimo maschile di George Eliot: «È come un gallo convinto che il sole sorga per ascoltarlo cantare». Superbia e vanità s’intrecciano e lambiscono un po’ tutti, senza mai avvertirci che in agguato c’è il ridicolo. Se non saremo umili – ammoniva, infatti, un altro autore francese, Julien Green – Dio farà di noi degli umiliati. Vermi senza ali, appunto.

    http://www.avvenire.it/GiornaleWEB2008/Templates/Pages/ColumnPage.aspx?IdRubrica=.mattutino&TitoloRubrica=Il%20mattutino&IdArticolo=422a418b-d602-40d5-937c-899923719025&Autore=Gianfranco%20Ravasi

  7. 7 agosto 2011 09:48

    E’ una visione legittima della farfalla, ma la sua natura evita il pericolo di presunzione.
    La sua brevissima vita, la sua totale assenza di armi difensivi (come la pecora), la fragilità delle sue ali credo la renda ben cosciente (si fa per dire) della sua bellissima pochezza.

    Inoltre, la farfalla bianca in alcune culture è il simbolo delle anime risorte …

    Una farfalla, poi, a cui si tolgono le ali muore all’istante: la sua bellezza è vita per lei ed anche rimando al creatore.

    Povere farfalline! Ah ah ah

  8. ROMEO permalink
    8 agosto 2011 09:29

    Come potete constatare c’è sempre l’altro lato della medaglia, perchè questa è la realtà, non esiste nulla in questo nostro contesto che non presenti il positivo ed il negativo e tutto è soggettivo (evviva la libertà di pensiero) io credo comunque che ognuno debba seguire quello che il suo interiore più intimo sente più vero per se stesso, per la sua evoluzione spirituale. Le vie che portano alla VERITA’ sono infinite ma alla fine di ogni percorso tutte convergono in unica VIA che porta diritta all’UNITA’ D’AMORE.
    Ciao.
    Romeo.

  9. 8 agosto 2011 10:14

    Bentornato Romeo e Riccardo …
    E’ verò c’è sempre l’altra faccia della medaglia ed è bello sia così, ma non dobbiamo scordare che esiste anche un terzo lato della medaglia: quella che sta in mezzo alle due, la costa della medaglia.
    Ecco, forse per vedere meglio dovrei stare su questa parte e guardare di qui e di là perchè ognuna delle facce ha una verità ed un suo riscontro nella vita.

    L’UNITA’ D’AMORE è il fine più bello a cui noi tutti tendiamo anche perchè se non esiste l’altro non avremmo più nulla da dire, più nulla da imparare.
    Siamo fatti di Trinità e come tale siamo dentro un’unità d’amore.

    Grazie Romeo e Riccardo.
    Grazie perchè è un momento un po’ arido, di deserto dove quello che tiene è la testardaggine di rimanere attaccata ad un Credo … costi quello che costi.

  10. romeo permalink
    8 agosto 2011 14:20

    E’ bello fare come Gesù saper ACCOGLIERE i cuori altrui nel proprio cuore (raffigurato nell’immagine di Giovanni che posò il suo capo vicino al cuore di Gesù), Gesù infatti è la VIA che può corrispondere a quello che tu hai definito, Anna, come la costa della medaglia, che spesso non si nota perche è testa o croce ma il cui spessore rappresentava il suo valore (vedi il valore intrinseco della moneta d’oro).
    Infatti se vogliamo imitare l’esempio di Gesù dovremo essere in mezzo (proprio come nella croce) e dar valore all’energia divina che sprigiona da ogni essere vivente.
    Concludo manifestando la mia gioia intima nel leggerVi e dichiaro con umiltà che tutto ci è donato e se io metto qualcosa di “mio” mi dichiaro servo inutile.
    Romeo.

  11. 26 agosto 2011 21:15

    Ho scritto un libro incentrato tutto sulla metafora della farfalla, simbolo di trasformazione e di rinascita. Si chiama “Ali di burro”, e’un romanzo molto forte e crudo. Complimenti per i vostri pensieri.

    • 30 agosto 2011 19:04

      Grazie Azzurra … ma perchè non ci fai conoscere dei “pezzi” del tuo libro? Mi piace molto il titolo “Ali di burro”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: