Skip to content

Ciao suor Savina, tutto per Gesù

10 aprile 2011

Sabato si è celebrato il funerale di suor Savina, un’ amica tornata alla casa del Padre dopo una breve ed improvvisa malattia.
Vogliamo ricordarla con queste poche parole.

Carissima suor Savina,
siamo qui oggi per darti l’ultimo saluto, certi che la tua anima ora sta già volando in alto, e vede finalmente il volto di Dio, un Dio cercato ed infine – oggi – trovato.
Tanti ti hanno incontrata durante la tua vita, ed ognuno porta in sé il ricordo di quello che sei stata: una donna, una suora, una suora pianzolina, una sorella, un’amica, una compagna, una mamma, e molto molto altro ancora.
Spesso, incontrandoti a casa madre o altrove, la tua voce squillante arrivava prima di te ed annunciava il sorriso luminoso che di lì a poco ci avrebbe accolto.
Eri un punto di riferimento, certi che ogni richiesta sarebbe stata sicuramente accolta con la disponibilità di chi mette la propria vita a servizio degli altri, ma soprattutto nelle mani di Dio.
Guardandoti si vedeva la felicità della tua vita, realizzata nella vocazione di seguire gioiosamente la strada tracciata da padre Pianzola.
Per tanti sei stata un’amica, sempre pronta a prendere parte alle gioie che ti portavano, come ad abbracciare le sofferenze che ti confidavano, condividendo sempre tutto con il tuo sorriso aperto ed accogliente.
Oggi ti piangiamo perché non sei più tra noi, e ci mancherai…tanto.
Ma al tempo stesso ringraziamo Dio per il dono che sei stata per ogni persona che ti ha conosciuta, che ti ha voluto bene.
Ringraziamo Dio per ogni vita che tu ha incontrato e che tu hai amato.
Ciao Savina, tutto per Gesù, e, con l’aiuto di Maria, arrivederci a più in là, certi che sarai ad attenderci con il tuo solito sorriso di sempre.

Annunci
3 commenti leave one →
  1. 11 aprile 2011 07:19

    Nicodemo,
    sabato il funerale
    domenica il Vangelo in cui Gesù dice “Vieni fuori”.

    Nessuno come chi perde o ha perso una persona cara intuisce profondamente cosa sia la Vita
    … quella con la “V” maiuscola
    … quella che è passata da qui, da questo mondo, con un corpo
    … quella che ha seminato qualcosa di buono qui, in questo mondo
    … quella che ha indicato il Cielo, qui, in questo mondo
    … quella che si è dimostrata simbolo di Dio

    e dentro la sensazione
    di essere stati un po’ abbandonati,
    di un po’ smarrimento,
    di sgomento

    nasce la certezza, anche se non abbiamo prove tangibili, che chi ci lascia
    è comunque presente, sensibilmente presente, avvertendo la loro presenza non con gli occhi, ma con quella percezione che supera la vista.

  2. 11 aprile 2011 13:05

    È sempre bello trovare un fiore sul proprio cammino.

  3. Nicodemo (di notte) permalink*
    14 aprile 2011 11:26

    @Anna: è vero, la presenza è tangibile anche nel solo ricordo.
    @Riccardo: i fiori belli e profumati sono sempre un regalo di Dio.

    Grazie a voi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: